Return to site

La checklist per testare il vostro sito o la vostra app

In rete potete trovare migliaia di guide su altrettante modalità con cui è possibile testare il vostro sito o la vostra app, comprese quelle presenti in questo blog come "Migliorare il vostro prodotto entrando in empatia con i vostri utenti".

Indipendentemente dalla modalità di test che volete utilizzare ci sono una serie di attività e linee guida imprescindibili di cui dovete tener conto.

Di seguito vi mostrerò quali sono mediante una checklist puntuale, strumento anelato dai più impreparati, ma ricercato anche dai più strutturati.

Step 1: Pianificare

Definite gli obiettivi della vostra ricerca.

A quali domande vorreste trovare una risposta? Più sarete specifici, più riuscirete a raccogliere feedback puntuali ed utili.

Qualche esempio: il mio sito ha problemi di usabilità? Come i miei utenti percepiscono i messaggi che gli inviamo? Qual'è per gli utenti la value proposition del mio prodotto?

Decidete quali pagine o elementi del vostro sito o app volete testare.

Qualche esempio: Home Page, Registrazione, Navigazione, Messaggi e Notifiche, Landing Page, Carrello, Ogni pagina con bounce rate elevato.

Identificate chi volete che partecipi al test in funzione degli obiettivi che avete definito.

I partecipanti devono appartenere ad un certo profilo socio-demografico? Utilizzano già il vostro prodotto o volete testarlo su un audience nuovo?

Definite quali device saranno oggetto del test.

Quale esperienza volete testare: desktop, smartphone (praticamente obbligatorio), tablet, watch, bands

Ci sono dei requisiti minimi riguardo al sistema operativo?

Step 2: Organizzare

Predisponete tutti i materiali utili al test e accertatevi che essi siano accessibili da remoto (es. via Dropbox o altri strumenti di condivisione).

Se state per testare un pre-totipo, ad esempio su InVision, assicuratevi che sia completo di tutte le funzionalità necessarie al test.

In caso di test dal vivo, predisponete il luogo del test con tutti i device e gli oggetti necessari ricreando il più possibile l'ambiente di utilizzo del vostro prodotto/servizio.

Scrivete le istruzioni per il test in modo molto dettagliato, descrivendo scrupolosamente tutti i passaggi utili, anche a rischio di essere ridondanti. Nel caso dobbiate usare link molto lunghi utilizzate servizi come bit.ly per renderli più corti ed immediati.

Predisponete task differenziati in funzione del risultato che volete ottenere: date istruzioni specifiche nel caso in cui vogliate testare un particolare elemento (es. Utilizzando il menu acquista un paio di pantaloni da donna) o siate un pò più laschi nelle istruzioni per capire come il vostro utente esplora il vostro prodotto (es. Utilizza il sito per 5 minuti per scoprire di che si tratta).

Predisponente eventuali utenze funzionali al test molto semplici ed immediate (es. Nome Utente TEST e Password TEST).

Predisponete delle registrazioni video (degli utenti e di quello che fanno sui device) con relativi moduli per la raccolta dei consensi privacy.

Step 3: Testare

Prima di effettuare il test in maniera massiva, effettuate un test di prova con un utente (1 test per ogni device da testare) per verificare la correttezza di quanto avete predisposto ed eventualmente riallineare il materiale prodotto.

Eseguite i task uno alla volta raccogliendo le evidenze in particolar modo sulla difficoltà del task stesso e sull'opinione dell'utente: utilizzate delle scale da 1 a 5 per farvi dare una misura orientativa di quanto state chiedendo (es. Da una scala da 1 a 5 quanto è stato difficile eseguire il task?), utilizzate domande a risposta multipla per verificare spunti precisi che avete già identificato oppure lasciate risposte aperte per raccogliere feedback generici.

Prendete appunti durante il test mappando in particolare gli elementi più inusuali.

Step 4: Analizzare​

La fase di analisi dipende molto dalla tipologia di test che avete effettuato. In generale è molto utile rivedere i video dei test eseguiti focalizzando l'attenzione in particolare sui momenti specifici che vi siete appuntanti nella fase precedente.

Identificate i comportamenti comuni a tutti i tester (o la maggior parte) che rappresentano il vostro punto di partenza su cui basare il design del vostro servizio. Mappate gli spunti specifici per valutarne la bontà in riferimento soprattutto allo specifico target del test. Condividete i risultati del test con tutti i vostri stakeholder.

Trasformate le evidenze del test in interventi evolutivi-correttivi e definite un piano operativo degli stessi mettendo in priorità quelli a basso effort tecnologico, ma alto impatto sull'esperienza dell'utente.

Monitorate costantemente (almeno una volta a settimana) come gli interventi effettuati stanno migliorando l'esperienza del vostro utente.

All Posts
×

Almost done…

We just sent you an email. Please click the link in the email to confirm your subscription!

OKSubscriptions powered by Strikingly